COMUNICATO STAMPA 5.|21

Alto Adi­ge – 29 mar­zo 2021

Südtirol Filarmonica: nuove date.

I concerti di debutto slittano al 24/25/26 settembre 2021.

La situa­zio­ne attua­le e le dis­po­si­zio­ni vigen­ti in mate­ria di even­ti pub­bli­ci al chi­u­so, non­ché le con­di­zio­ni di viag­gio per e dall’Alto Adi­ge che i musi­cis­ti altoa­te­si­ni coin­vol­ti si tro­ver­eb­be­ro ad affron­ta­re, han­no spin­to l’associazione cul­tu­ra­le ARTON, pro­mo­to­re del pro­get­to, a sposta­re i con­cer­ti del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca pre­vis­ti per il 7/8/9 mag­gio. L’appuntamento è fis­sa­to ora per il 24/25/26 set­tembre 2021.

Zeno Kerschbau­mer, pre­si­den­te dell’associazione cul­tu­ra­le ARTON, si dice fidu­cio­so: “Come è noto, “l’attesa del pia­ce­re è essa stes­sa il pia­ce­re”. Con noi, abbia­mo l’organico del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca al com­ple­to che non vede l’ora di comin­cia­re. Ci augu­ria­mo che a fron­te di una rapi­da ripre­sa del­la vita e dell’agire cul­tu­ra­le e artis­ti­co il nos­tro sog­no pos­sa avver­ar­si. Sono con­vin­to che pro­prio in momen­ti come ques­to, la cul­tu­ra rappre­sen­ti una note­vo­le fon­te di ben­es­se­re indi­vi­dua­le e sociale.”

Cor­ne­lia Gol­ler, coor­di­natri­ce degli aspet­ti orga­niz­za­ti­vi, sot­to­li­nea l’importanza del­la col­la­bo­ra­zio­ne con gli enti coin­vol­ti: “Un sen­ti­to ringra­zia­men­to va alle col­la­bo­rat­ri­ci e ai col­la­bo­ra­to­ri degli enti responsa­bi­li del­le sale per i con­cer­ti del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca: il Cen­tro Cul­tu­ra­le Eure­gio Gus­tav Mah­ler Dob­bia­co, la Fon­da­zio­ne Tea­tro Comu­na­le e Audi­to­ri­um Pro­vin­cia­le Bol­za­no e l’Ente Ges­tio­ne Tea­tro e Kur­haus di Mera­no. Al fine di indi­vi­du­a­re e fis­sa­re tem­pes­tiva­men­te le nuo­ve date dei con­cer­ti in pro­gram­ma, il loro aiu­to si è rive­la­to fondamentale.”

I concerti di debutto.

vener­dì 24 set­tembre 2021, sala “Gus­tav-Mah­ler” di Dobbiaco
saba­to 25 set­tembre 2021, “Audi­to­ri­um” di Bolzano
dome­ni­ca 26 set­tembre 2021, “Kur­saal“ di Merano

Il programma.

Johann Rufi­nat­scha — ouver­tu­re in do minore
Igor Stra­vin­sky — “L’uccello di fuo­co“ suite 1919
Antonín Dvořák — sin­fo­nia n.9 in mi mino­re “Dal nuo­vo mondo” (op. 95)

L’entusiasmo di Micha­el Pich­ler è pal­pa­bi­le: “Tut­to qua­dra alla per­fe­zio­ne. La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca fest­eg­gerà il pro­prio debut­to apren­do la sera­ta con un’ouverture del com­po­si­to­re altoa­te­si­no Johann Rufinatscha.”

Acquisto biglietti.

Il ser­vi­zio di pre­ven­di­ta dei bigli­et­ti sarà dis­po­ni­bi­le a par­ti­re da lug­lio 2021. Chi non vol­es­se per­der­si l’inizio del­la pre­ven­di­ta e vol­es­se rima­ne­re semp­re aggior­na­to sul­le atti­vi­tà del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca è pre­ga­to di iscri­ver­si alla News­let­ter del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca. L’iscrizione va fat­ta diret­tamen­te sul sito www.suedtirol-filarmonica.it.

L’origine.

L’idea è nata in occa­sio­ne del 7° incon­tro dei Süd­ster­ne bris­si­ne­si, cioè i bris­si­ne­si che vivo­no al di fuo­ri dei con­fi­ni pro­vin­cia­li, che si è svol­to il 23 dicembre 2019 pres­so il ris­tor­an­te “Trau­ben­wirt” di Bress­ano­ne. In ques­to con­tes­to si sono incont­ra­ti Cor­ne­lia ed Isa­bel Gol­ler di Mel­lu­no, Micha­el Pich­ler di Luson e Zeno Kerschbau­mer di Bress­ano­ne.  Tut­ti e quat­tro vivo­no e lavor­a­no princi­palm­en­te al di fuo­ri dei con­fi­ni pro­vin­cia­li, ris­pet­tiva­men­te a Zuri­go, Vien­na, Hei­del­berg e Kua­la Lum­pur. Con­di­vi­de­va­no un sog­no che, quel­la sera, han­no deci­so di rea­liz­za­re: un’orchestra sin­fo­ni­ca com­pos­ta di soli altoa­te­si­ni per l’Alto Adige.

Il progetto.

La con­vin­zio­ne comu­ne dei fon­d­a­to­ri è che la musi­ca unis­ce – “insie­me” è il filo con­dut­to­re. La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca vuo­le dare un con­tri­bu­to con­cre­to ad un’attitudine che pos­sa tes­ti­mo­nia­re ques­to slan­cio. Inf­at­ti, l’orchestra par­la sem­pli­ce­men­te la lin­gua del­la musi­ca. In Alto Adi­ge la musi­ca è vis­s­u­ta fin dall’infanzia. Le innu­me­re­vo­li scuo­le di musi­ca assai fre­quen­ta­te ne sono una chia­ra pro­va. L’ampia rosa di stru­men­ti pra­ti­ca­ti con­tri­buis­ce meta­fo­ri­ca­men­te anche alla mol­te­pli­ci­tà del­la qua­le l’Alto Adi­ge gode in modo pri­vi­le­gia­to. Ma la musi­ca va olt­re: la gen­te vive la musi­ca come ele­men­to di con­nessio­ne, attra­ver­so il qua­le è per­messa una coope­ra­zio­ne a diver­si livel­li. Un’orchestra esprime chiara­men­te un sen­ti­men­to e un’azione comuni.

La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca si con­si­de­ra est­ra­nea alla logi­ca dei grup­pi lin­gu­is­ti­ci. Essa lascia che pre­val­ga il lin­gu­ag­gio del­la musi­ca e si con­cen­tra esclu­siva­men­te sul­la qua­li­tà del­la stes­sa. Ques­to carat­te­re così pecu­lia­re sarà senz’altro per­ce­pi­bi­le anche da par­te del pub­bli­co altoa­te­si­no in occa­sio­ne dei con­cer­ti previsti.

Il nome.

Poi­ché ques­to pro­get­to si pone essen­zi­alm­en­te al di fuo­ri dal­la logi­ca dei grup­pi lin­gu­is­ti­ci, fin da princi­pio era chia­ro che il nome dove­sse rif­let­te­re ques­to att­eg­gia­men­to. Un nome che ci obb­li­ga­s­se a cos­tan­te tra­du­zio­ne in tut­te e tre le lin­gue o al ricor­so ad ingle­sis­mi era fuo­ri ques­tio­ne. Non è sta­to un com­pi­to faci­le. Con Süd­ti­rol da un lato e Filar­mo­ni­ca dall’altro, però, sono sta­te tro­va­te due paro­le asso­lutamen­te com­pren­si­bi­li a tut­ti. Inolt­re, ques­te due paro­le sono faci­li da pro­nun­cia­re, da ricord­a­re e fone­ti­ca­men­te uni­ver­sa­li- in par­ti­co­lar modo la secon­da. Ma, fat­to più importan­te, rias­su­mo­no chiara­men­te ed ine­qui­vo­ca­bilm­en­te l’iniziativa: una filar­mo­ni­ca di altoa­te­si­ni per gli altoatesini.

I valori.

I soci fon­d­a­to­ri ne sono con­vin­ti: la musi­ca ha effet­ti dirom­pen­ti a 360°. Olt­re a fare appas­sio­na­re il pub­bli­co altoa­te­si­no al reper­to­rio clas­si­co, attra­ver­so la musi­ca la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca inten­de dare un impul­so con­cre­to ai con­cet­ti di inclu­sio­ne e insie­me. Inf­at­ti si trat­ta di due temi di pri­ma­ria import­an­za nel pan­ora­ma altoatesino.

Alla Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca può par­te­ci­pa­re chi, nato in ter­ri­to­rio pro­vin­cia­le, svol­ge ora la sua princi­pa­le atti­vi­tà musi­ca­le al di fuo­ri dei con­fi­ni dell’Alto Adi­ge o ha avu­to modo di fare pro­lunga­te e signi­fi­ca­ti­ve espe­ri­en­ze lavora­ti­ve all’estero. Inolt­re saran­no accol­ti alla Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca anche quei musi­cis­ti pro­fes­sio­nis­ti che han­no fat­to dell’Alto Adi­ge la pro­pria patria d’elezione. Infi­ne, la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca off­re alle stu­dent­esse e agli stu­den­ti di musi­ca che lo desi­de­ri­no la pre­zio­sa oppor­tu­ni­tà di fare espe­ri­en­za in orchestra.

Per natu­ra, la Süd­ti­roI Filar­mo­ni­ca nas­ce lega­ta ai con­cet­ti di insie­me e di inclu­sio­ne e inten­de per ques­to pro­muo­ver­ne l’importanza.

Sito internet.

www.suedtirol-filarmonica.it

ARTON associazione culturale.

La musi­ca ha il pote­re di con­net­ter­ci e di ispi­rar­ci, di esse­re noi stes­si. ARTON fa pro­pri ques­ti ele­men­ti mettendo­li in rela­zio­ne ad alt­re disci­pli­ne arti­s­ti­che con­tri­bu­e­n­do così alla mol­te­pli­ci­tà che cos­ti­tuis­ce la base del­lo svi­lup­po socia­le. ARTON è sta­ta fon­da­ta l’8 agos­to 2020 come asso­cia­zio­ne cul­tu­ra­le sen­za fine di lucro. Il diret­tivo di ARTON è com­pos­to da Zeno Kerschbau­mer nel­la fun­zio­ne di Pre­si­den­te, da Isa­bel Gol­ler nel­la ves­te di Vice-Pre­si­den­te e dai due con­si­glie­ri Cor­ne­lia Gol­ler e Micha­el Pichler.

Il nome ARTON è com­pos­to dal­le paro­le arte, tona­li­tà e l’espressione ing­le­se “on”. Ques­te tre paro­le pre­se sin­golarmen­te e in com­bi­na­zio­ne descri­vo­no per­fett­amen­te gli obi­et­ti­vi dell’associazione.

La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca è un pro­get­to di ARTON.

Downloads.
Comu­ni­ca­to stam­pa 5.|2021.docx
Foto — I fon­d­a­to­ri .jpg
Logo.jpg

ARCHIVIO

Comu­ni­ca­to stam­pa 4.|21.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 3.|21.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 2.|20.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 1.|20.zip
Südtirol Filarmonica Arton Verein

COMUNICATO STAMPA 5.|21

Alto Adi­ge – 29 mar­zo 2021

Südtirol Filarmonica: nuove date.

I concerti di debutto slittano al 24/25/26 settembre 2021.

La situa­zio­ne attua­le e le dis­po­si­zio­ni vigen­ti in mate­ria di even­ti pub­bli­ci al chi­u­so, non­ché le con­di­zio­ni di viag­gio per e dall’Alto Adi­ge che i musi­cis­ti altoa­te­si­ni coin­vol­ti si tro­ver­eb­be­ro ad affron­ta­re, han­no spin­to l’associazione cul­tu­ra­le ARTON, pro­mo­to­re del pro­get­to, a sposta­re i con­cer­ti del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca pre­vis­ti per il 7/8/9 mag­gio. L’appuntamento è fis­sa­to ora per il 24/25/26 set­tembre 2021.

Zeno Kerschbau­mer, pre­si­den­te dell’associazione cul­tu­ra­le ARTON, si dice fidu­cio­so: “Come è noto, “l’attesa del pia­ce­re è essa stes­sa il pia­ce­re”. Con noi, abbia­mo l’organico del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca al com­ple­to che non vede l’ora di comin­cia­re. Ci augu­ria­mo che a fron­te di una rapi­da ripre­sa del­la vita e dell’agire cul­tu­ra­le e artis­ti­co il nos­tro sog­no pos­sa avver­ar­si. Sono con­vin­to che pro­prio in momen­ti come ques­to, la cul­tu­ra rappre­sen­ti una note­vo­le fon­te di ben­es­se­re indi­vi­dua­le e sociale.”

Cor­ne­lia Gol­ler, coor­di­natri­ce degli aspet­ti orga­niz­za­ti­vi, sot­to­li­nea l’importanza del­la col­la­bo­ra­zio­ne con gli enti coin­vol­ti: “Un sen­ti­to ringra­zia­men­to va alle col­la­bo­rat­ri­ci e ai col­la­bo­ra­to­ri degli enti responsa­bi­li del­le sale per i con­cer­ti del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca: il Cen­tro Cul­tu­ra­le Eure­gio Gus­tav Mah­ler Dob­bia­co, la Fon­da­zio­ne Tea­tro Comu­na­le e Audi­to­ri­um Pro­vin­cia­le Bol­za­no e l’Ente Ges­tio­ne Tea­tro e Kur­haus di Mera­no. Al fine di indi­vi­du­a­re e fis­sa­re tem­pes­tiva­men­te le nuo­ve date dei con­cer­ti in pro­gram­ma, il loro aiu­to si è rive­la­to fondamentale.”

I concerti di debutto.

vener­dì 24 set­tembre 2021, sala “Gus­tav-Mah­ler” di Dobbiaco
saba­to 25 set­tembre 2021, “Audi­to­ri­um” di Bolzano
dome­ni­ca 26 set­tembre 2021, “Kur­saal“ di Merano

Il programma.

Johann Rufi­nat­scha — ouver­tu­re in do minore
Igor Stra­vin­sky — “L’uccello di fuo­co“ suite 1919
Antonín Dvořák — sin­fo­nia n.9 in mi mino­re “Dal nuo­vo mondo” (op. 95)

L’entusiasmo di Micha­el Pich­ler è pal­pa­bi­le: “Tut­to qua­dra alla per­fe­zio­ne. La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca fest­eg­gerà il pro­prio debut­to apren­do la sera­ta con un’ouverture del com­po­si­to­re altoa­te­si­no Johann Rufinatscha.”

Acquisto biglietti.

Il ser­vi­zio di pre­ven­di­ta dei bigli­et­ti sarà dis­po­ni­bi­le a par­ti­re da lug­lio 2021. Chi non vol­es­se per­der­si l’inizio del­la pre­ven­di­ta e vol­es­se rima­ne­re semp­re aggior­na­to sul­le atti­vi­tà del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca è pre­ga­to di iscri­ver­si alla News­let­ter del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca. L’iscrizione va fat­ta diret­tamen­te sul sito www.suedtirol-filarmonica.it.

L’origine.

L’idea è nata in occa­sio­ne del 7° incon­tro dei Süd­ster­ne bris­si­ne­si, cioè i bris­si­ne­si che vivo­no al di fuo­ri dei con­fi­ni pro­vin­cia­li, che si è svol­to il 23 dicembre 2019 pres­so il ris­tor­an­te “Trau­ben­wirt” di Bress­ano­ne. In ques­to con­tes­to si sono incont­ra­ti Cor­ne­lia ed Isa­bel Gol­ler di Mel­lu­no, Micha­el Pich­ler di Luson e Zeno Kerschbau­mer di Bress­ano­ne.  Tut­ti e quat­tro vivo­no e lavor­a­no princi­palm­en­te al di fuo­ri dei con­fi­ni pro­vin­cia­li, ris­pet­tiva­men­te a Zuri­go, Vien­na, Hei­del­berg e Kua­la Lum­pur. Con­di­vi­de­va­no un sog­no che, quel­la sera, han­no deci­so di rea­liz­za­re: un’orchestra sin­fo­ni­ca com­pos­ta di soli altoa­te­si­ni per l’Alto Adige.

Il progetto.

La con­vin­zio­ne comu­ne dei fon­d­a­to­ri è che la musi­ca unis­ce – “insie­me” è il filo con­dut­to­re. La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca vuo­le dare un con­tri­bu­to con­cre­to ad un’attitudine che pos­sa tes­ti­mo­nia­re ques­to slan­cio. Inf­at­ti, l’orchestra par­la sem­pli­ce­men­te la lin­gua del­la musi­ca. In Alto Adi­ge la musi­ca è vis­s­u­ta fin dall’infanzia. Le innu­me­re­vo­li scuo­le di musi­ca assai fre­quen­ta­te ne sono una chia­ra pro­va. L’ampia rosa di stru­men­ti pra­ti­ca­ti con­tri­buis­ce meta­fo­ri­ca­men­te anche alla mol­te­pli­ci­tà del­la qua­le l’Alto Adi­ge gode in modo pri­vi­le­gia­to. Ma la musi­ca va olt­re: la gen­te vive la musi­ca come ele­men­to di con­nessio­ne, attra­ver­so il qua­le è per­messa una coope­ra­zio­ne a diver­si livel­li. Un’orchestra esprime chiara­men­te un sen­ti­men­to e un’azione comuni.

La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca si con­si­de­ra est­ra­nea alla logi­ca dei grup­pi lin­gu­is­ti­ci. Essa lascia che pre­val­ga il lin­gu­ag­gio del­la musi­ca e si con­cen­tra esclu­siva­men­te sul­la qua­li­tà del­la stes­sa. Ques­to carat­te­re così pecu­lia­re sarà senz’altro per­ce­pi­bi­le anche da par­te del pub­bli­co altoa­te­si­no in occa­sio­ne dei con­cer­ti previsti.

Il nome.

Poi­ché ques­to pro­get­to si pone essen­zi­alm­en­te al di fuo­ri dal­la logi­ca dei grup­pi lin­gu­is­ti­ci, fin da princi­pio era chia­ro che il nome dove­sse rif­let­te­re ques­to att­eg­gia­men­to. Un nome che ci obb­li­ga­s­se a cos­tan­te tra­du­zio­ne in tut­te e tre le lin­gue o al ricor­so ad ingle­sis­mi era fuo­ri ques­tio­ne. Non è sta­to un com­pi­to faci­le. Con Süd­ti­rol da un lato e Filar­mo­ni­ca dall’altro, però, sono sta­te tro­va­te due paro­le asso­lutamen­te com­pren­si­bi­li a tut­ti. Inolt­re, ques­te due paro­le sono faci­li da pro­nun­cia­re, da ricord­a­re e fone­ti­ca­men­te uni­ver­sa­li- in par­ti­co­lar modo la secon­da. Ma, fat­to più importan­te, rias­su­mo­no chiara­men­te ed ine­qui­vo­ca­bilm­en­te l’iniziativa: una filar­mo­ni­ca di altoa­te­si­ni per gli altoatesini.

I valori.

I soci fon­d­a­to­ri ne sono con­vin­ti: la musi­ca ha effet­ti dirom­pen­ti a 360°. Olt­re a fare appas­sio­na­re il pub­bli­co altoa­te­si­no al reper­to­rio clas­si­co, attra­ver­so la musi­ca la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca inten­de dare un impul­so con­cre­to ai con­cet­ti di inclu­sio­ne e insie­me. Inf­at­ti si trat­ta di due temi di pri­ma­ria import­an­za nel pan­ora­ma altoatesino.

Alla Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca può par­te­ci­pa­re chi, nato in ter­ri­to­rio pro­vin­cia­le, svol­ge ora la sua princi­pa­le atti­vi­tà musi­ca­le al di fuo­ri dei con­fi­ni dell’Alto Adi­ge o ha avu­to modo di fare pro­lunga­te e signi­fi­ca­ti­ve espe­ri­en­ze lavora­ti­ve all’estero. Inolt­re saran­no accol­ti alla Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca anche quei musi­cis­ti pro­fes­sio­nis­ti che han­no fat­to dell’Alto Adi­ge la pro­pria patria d’elezione. Infi­ne, la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca off­re alle stu­dent­esse e agli stu­den­ti di musi­ca che lo desi­de­ri­no la pre­zio­sa oppor­tu­ni­tà di fare espe­ri­en­za in orchestra.

Per natu­ra, la Süd­ti­roI Filar­mo­ni­ca nas­ce lega­ta ai con­cet­ti di insie­me e di inclu­sio­ne e inten­de per ques­to pro­muo­ver­ne l’importanza.

Sito internet.

www.suedtirol-filarmonica.it

ARTON associazione culturale.

La musi­ca ha il pote­re di con­net­ter­ci e di ispi­rar­ci, di esse­re noi stes­si. ARTON fa pro­pri ques­ti ele­men­ti mettendo­li in rela­zio­ne ad alt­re disci­pli­ne arti­s­ti­che con­tri­bu­e­n­do così alla mol­te­pli­ci­tà che cos­ti­tuis­ce la base del­lo svi­lup­po socia­le. ARTON è sta­ta fon­da­ta l’8 agos­to 2020 come asso­cia­zio­ne cul­tu­ra­le sen­za fine di lucro. Il diret­tivo di ARTON è com­pos­to da Zeno Kerschbau­mer nel­la fun­zio­ne di Pre­si­den­te, da Isa­bel Gol­ler nel­la ves­te di Vice-Pre­si­den­te e dai due con­si­glie­ri Cor­ne­lia Gol­ler e Micha­el Pichler.

Il nome ARTON è com­pos­to dal­le paro­le arte, tona­li­tà e l’espressione ing­le­se “on”. Ques­te tre paro­le pre­se sin­golarmen­te e in com­bi­na­zio­ne descri­vo­no per­fett­amen­te gli obi­et­ti­vi dell’associazione.

La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca è un pro­get­to di ARTON.

Downloads.
Comu­ni­ca­to stam­pa 5.|21.docx
Foto — I fon­d­a­to­ri .jpg
Logo.jpg

ARCHIVIO

Comu­ni­ca­to stam­pa 4.|21.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 3.|21.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 2.|20.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 1.|20.zip
Südtirol Filarmonica Arton Verein

COMUNICATO STAMPA 5.|21

Alto Adi­ge – 29 mar­zo 2021

Südtirol Filarmonica: nuove date.

I concerti di debutto slittano al 24/25/26 settembre 2021.

La situa­zio­ne attua­le e le dis­po­si­zio­ni vigen­ti in mate­ria di even­ti pub­bli­ci al chi­u­so, non­ché le con­di­zio­ni di viag­gio per e dall’Alto Adi­ge che i musi­cis­ti altoa­te­si­ni coin­vol­ti si tro­ver­eb­be­ro ad affron­ta­re, han­no spin­to l’associazione cul­tu­ra­le ARTON, pro­mo­to­re del pro­get­to, a sposta­re i con­cer­ti del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca pre­vis­ti per il 7/8/9 mag­gio. L’appuntamento è fis­sa­to ora per il 24/25/26 set­tembre 2021.

Zeno Kerschbau­mer, pre­si­den­te dell’associazione cul­tu­ra­le ARTON, si dice fidu­cio­so: “Come è noto, “l’attesa del pia­ce­re è essa stes­sa il pia­ce­re”. Con noi, abbia­mo l’organico del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca al com­ple­to che non vede l’ora di comin­cia­re. Ci augu­ria­mo che a fron­te di una rapi­da ripre­sa del­la vita e dell’agire cul­tu­ra­le e artis­ti­co il nos­tro sog­no pos­sa avver­ar­si. Sono con­vin­to che pro­prio in momen­ti come ques­to, la cul­tu­ra rappre­sen­ti una note­vo­le fon­te di ben­es­se­re indi­vi­dua­le e sociale.”

Cor­ne­lia Gol­ler, coor­di­natri­ce degli aspet­ti orga­niz­za­ti­vi, sot­to­li­nea l’importanza del­la col­la­bo­ra­zio­ne con gli enti coin­vol­ti: “Un sen­ti­to ringra­zia­men­to va alle col­la­bo­rat­ri­ci e ai col­la­bo­ra­to­ri degli enti responsa­bi­li del­le sale per i con­cer­ti del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca: il Cen­tro Cul­tu­ra­le Eure­gio Gus­tav Mah­ler Dob­bia­co, la Fon­da­zio­ne Tea­tro Comu­na­le e Audi­to­ri­um Pro­vin­cia­le Bol­za­no e l’Ente Ges­tio­ne Tea­tro e Kur­haus di Mera­no. Al fine di indi­vi­du­a­re e fis­sa­re tem­pes­tiva­men­te le nuo­ve date dei con­cer­ti in pro­gram­ma, il loro aiu­to si è rive­la­to fondamentale.”

I concerti di debutto.

vener­dì 24 set­tembre 2021, sala “Gus­tav-Mah­ler” di Dobbiaco
saba­to 25 set­tembre 2021, “Audi­to­ri­um” di Bolzano
dome­ni­ca 26 set­tembre 2021, “Kur­saal“ di Merano

Il programma.

Johann Rufi­nat­scha — ouver­tu­re in do minore
Igor Stra­vin­sky — “L’uccello di fuo­co“ suite 1919
Antonín Dvořák — sin­fo­nia n.9 in mi mino­re “Dal nuo­vo mondo” (op. 95)

L’entusiasmo di Micha­el Pich­ler è pal­pa­bi­le: “Tut­to qua­dra alla per­fe­zio­ne. La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca fest­eg­gerà il pro­prio debut­to apren­do la sera­ta con un’ouverture del com­po­si­to­re altoa­te­si­no Johann Rufinatscha.”

Acquisto biglietti.

Il ser­vi­zio di pre­ven­di­ta dei bigli­et­ti sarà dis­po­ni­bi­le a par­ti­re da lug­lio 2021. Chi non vol­es­se per­der­si l’inizio del­la pre­ven­di­ta e vol­es­se rima­ne­re semp­re aggior­na­to sul­le atti­vi­tà del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca è pre­ga­to di iscri­ver­si alla News­let­ter del­la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca. L’iscrizione va fat­ta diret­tamen­te sul sito www.suedtirol-filarmonica.it.

L’origine.

L’idea è nata in occa­sio­ne del 7° incon­tro dei Süd­ster­ne bris­si­ne­si, cioè i bris­si­ne­si che vivo­no al di fuo­ri dei con­fi­ni pro­vin­cia­li, che si è svol­to il 23 dicembre 2019 pres­so il ris­tor­an­te “Trau­ben­wirt” di Bress­ano­ne. In ques­to con­tes­to si sono incont­ra­ti Cor­ne­lia ed Isa­bel Gol­ler di Mel­lu­no, Micha­el Pich­ler di Luson e Zeno Kerschbau­mer di Bress­ano­ne.  Tut­ti e quat­tro vivo­no e lavor­a­no princi­palm­en­te al di fuo­ri dei con­fi­ni pro­vin­cia­li, ris­pet­tiva­men­te a Zuri­go, Vien­na, Hei­del­berg e Kua­la Lum­pur. Con­di­vi­de­va­no un sog­no che, quel­la sera, han­no deci­so di rea­liz­za­re: un’orchestra sin­fo­ni­ca com­pos­ta di soli altoa­te­si­ni per l’Alto Adige.

Il progetto.

La con­vin­zio­ne comu­ne dei fon­d­a­to­ri è che la musi­ca unis­ce – “insie­me” è il filo con­dut­to­re. La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca vuo­le dare un con­tri­bu­to con­cre­to ad un’attitudine che pos­sa tes­ti­mo­nia­re ques­to slan­cio. Inf­at­ti, l’orchestra par­la sem­pli­ce­men­te la lin­gua del­la musi­ca. In Alto Adi­ge la musi­ca è vis­s­u­ta fin dall’infanzia. Le innu­me­re­vo­li scuo­le di musi­ca assai fre­quen­ta­te ne sono una chia­ra pro­va. L’ampia rosa di stru­men­ti pra­ti­ca­ti con­tri­buis­ce meta­fo­ri­ca­men­te anche alla mol­te­pli­ci­tà del­la qua­le l’Alto Adi­ge gode in modo pri­vi­le­gia­to. Ma la musi­ca va olt­re: la gen­te vive la musi­ca come ele­men­to di con­nessio­ne, attra­ver­so il qua­le è per­messa una coope­ra­zio­ne a diver­si livel­li. Un’orchestra esprime chiara­men­te un sen­ti­men­to e un’azione comuni.

La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca si con­si­de­ra est­ra­nea alla logi­ca dei grup­pi lin­gu­is­ti­ci. Essa lascia che pre­val­ga il lin­gu­ag­gio del­la musi­ca e si con­cen­tra esclu­siva­men­te sul­la qua­li­tà del­la stes­sa. Ques­to carat­te­re così pecu­lia­re sarà senz’altro per­ce­pi­bi­le anche da par­te del pub­bli­co altoa­te­si­no in occa­sio­ne dei con­cer­ti previsti.

Il nome.

Poi­ché ques­to pro­get­to si pone essen­zi­alm­en­te al di fuo­ri dal­la logi­ca dei grup­pi lin­gu­is­ti­ci, fin da princi­pio era chia­ro che il nome dove­sse rif­let­te­re ques­to att­eg­gia­men­to. Un nome che ci obb­li­ga­s­se a cos­tan­te tra­du­zio­ne in tut­te e tre le lin­gue o al ricor­so ad ingle­sis­mi era fuo­ri ques­tio­ne. Non è sta­to un com­pi­to faci­le. Con Süd­ti­rol da un lato e Filar­mo­ni­ca dall’altro, però, sono sta­te tro­va­te due paro­le asso­lutamen­te com­pren­si­bi­li a tut­ti. Inolt­re, ques­te due paro­le sono faci­li da pro­nun­cia­re, da ricord­a­re e fone­ti­ca­men­te uni­ver­sa­li- in par­ti­co­lar modo la secon­da. Ma, fat­to più importan­te, rias­su­mo­no chiara­men­te ed ine­qui­vo­ca­bilm­en­te l’iniziativa: una filar­mo­ni­ca di altoa­te­si­ni per gli altoatesini.

I valori.

I soci fon­d­a­to­ri ne sono con­vin­ti: la musi­ca ha effet­ti dirom­pen­ti a 360°. Olt­re a fare appas­sio­na­re il pub­bli­co altoa­te­si­no al reper­to­rio clas­si­co, attra­ver­so la musi­ca la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca inten­de dare un impul­so con­cre­to ai con­cet­ti di inclu­sio­ne e insie­me. Inf­at­ti si trat­ta di due temi di pri­ma­ria import­an­za nel pan­ora­ma altoatesino.

Alla Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca può par­te­ci­pa­re chi, nato in ter­ri­to­rio pro­vin­cia­le, svol­ge ora la sua princi­pa­le atti­vi­tà musi­ca­le al di fuo­ri dei con­fi­ni dell’Alto Adi­ge o ha avu­to modo di fare pro­lunga­te e signi­fi­ca­ti­ve espe­ri­en­ze lavora­ti­ve all’estero. Inolt­re saran­no accol­ti alla Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca anche quei musi­cis­ti pro­fes­sio­nis­ti che han­no fat­to dell’Alto Adi­ge la pro­pria patria d’elezione. Infi­ne, la Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca off­re alle stu­dent­esse e agli stu­den­ti di musi­ca che lo desi­de­ri­no la pre­zio­sa oppor­tu­ni­tà di fare espe­ri­en­za in orchestra.

Per natu­ra, la Süd­ti­roI Filar­mo­ni­ca nas­ce lega­ta ai con­cet­ti di insie­me e di inclu­sio­ne e inten­de per ques­to pro­muo­ver­ne l’importanza.

Sito internet.

www.suedtirol-filarmonica.it

ARTON associazione culturale.

La musi­ca ha il pote­re di con­net­ter­ci e di ispi­rar­ci, di esse­re noi stes­si. ARTON fa pro­pri ques­ti ele­men­ti mettendo­li in rela­zio­ne ad alt­re disci­pli­ne arti­s­ti­che con­tri­bu­e­n­do così alla mol­te­pli­ci­tà che cos­ti­tuis­ce la base del­lo svi­lup­po socia­le. ARTON è sta­ta fon­da­ta l’8 agos­to 2020 come asso­cia­zio­ne cul­tu­ra­le sen­za fine di lucro. Il diret­tivo di ARTON è com­pos­to da Zeno Kerschbau­mer nel­la fun­zio­ne di Pre­si­den­te, da Isa­bel Gol­ler nel­la ves­te di Vice-Pre­si­den­te e dai due con­si­glie­ri Cor­ne­lia Gol­ler e Micha­el Pichler.

Il nome ARTON è com­pos­to dal­le paro­le arte, tona­li­tà e l’espressione ing­le­se “on”. Ques­te tre paro­le pre­se sin­golarmen­te e in com­bi­na­zio­ne descri­vo­no per­fett­amen­te gli obi­et­ti­vi dell’associazione.

La Süd­ti­rol Filar­mo­ni­ca è un pro­get­to di ARTON.

Downloads.
Comu­ni­ca­to stam­pa 5.|21.docx
Foto — I fon­d­a­to­ri .jpg
Logo.jpg

ARCHIVIO

Comu­ni­ca­to stam­pa 4.|21.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 3.|21.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 2.|20.zip
Comu­ni­ca­to stam­pa 1.|20.zip
Arton Logo